Andrea-Lanfri-Massimo-Coda

Una gamba in due per i soci onorari 2020 del Club

«Due uomini e una gamba»: con autoironia sulla loro condizione, ma soprattutto con tenacia e determinazione, stanno raggiungendo obiettivi straordinari. È proprio vero che, come riporta uno di loro nel suo sito web, «i limiti sono solo nella nostra mente». Si tratta di Andrea Lanfri, lucchese, classe 1986, il quale a 29 anni contrae la meningite con sepsi meningococcica. Dopo un mese di coma perde entrambe le gambe e sette dita delle mani. Grazie alla forza di volontà e alla passione per lo sport, nel giro di un anno torna alla sua vita di prima, avvicinandosi all’atletica paralimipica, iniziando a correre con un paio di protesi in fibra di carbonio, acquistate grazie a una raccolta fondi. Primo atleta italiano con doppia amputazione agli arti inferiori a scendere sotto i 12 secondi nei 100 metri piani, conquista tre record nazionali, due medaglie di bronzo, insieme a un argento agli Europei, e un argento ai Mondiali 2017. Nello stesso anno ritorna anche all'amata montagna, già praticata prima della malattia: arrampicata e alpinismo, e inizia a sognare di scalare l'Everest. Nel 2018 inizia la sua preparazione con montagne oltre i 5000 metri (vulcano Chimborazo in Ecuador). È il primo atleta con pluriamputazioni a raggiungere i 7300 metri di altitudine (Putha Hiunchiuli in Nepal). 

L'altro protagonista della vicenda è Massimo (Max) Coda, biellese, classe 1970, il quale nel 2010 è vittima di un grave incidente in montagna che compromette la funzionalità della gamba destra. Dopo un calvario durato 8 anni e 16 interventi chirurgici, con mesi di allettamento forzato e la definitiva perdita della deambulazione corretta, nonostante l’apparente guarigione, nel 2018 decide di farsi amputare l’arto destro per tornare a praticare l'arrampicata e l'alpinismo. 

Tornati entrambi nel pieno possesso delle proprie vite grazie alle protesi, i due si conoscono in occasione di una gara in Liguria a inizio 2019 e, data la comune passione, decidono di effettuare insieme alcune salite, senza ricorrere ad altri compagni di corda. Così, quest’anno, in totale autonomia, varano l'ambizioso progetto #fivepeaks 2020: raggiungere le vette di Gran Paradiso, Monte Bianco, Punta Gnifetti, Monviso e Cervino. Solo sulla Gran Becca si sono fermati prima della cima, al Pic Tyndall.

È per questo che il consiglio direttivo del Club4000 ha deciso di nominare Lanfri e Coda soci onorari per il 2020. Pensando a queste persone straordinarie che, salvo impedimenti da Covid, festeggeremo in occasione dell'assemblea dei soci, in programma sabato 21 novembre a Torino, non si può non ricordare Oliviero Bellinzani (1955-2015), l'«uomo con le ali», già nominato socio onorario del Club, capace di salire 21 quattromila con un arto artificiale.

Andrea-Lanfri-Massimo-Coda
Barre des Ecrins

Barre e Dôme des Écrins irraggiungibili

La salita al gigante più occidentale e meridionale delle Alpi, nel Delfinato (Francia), è da qualche settimana vivamente sconsigliata.

Il consueto itinerario della via normale era già da inizio stagione stato sostituito da uno che si sviluppava più a sinistra della famigerata rampa glaciale che saliva sotto i grandi seracchi, i quali erano nel frattempo parzialmente crollati.

Poi, il 29 luglio, anche il percorso alternativo è stato oggetto di un crollo di altre masse ghiacciate, che hanno procurato la morte di 4 alpinisti.

Da allora la salita alla vetta dal versante del rifugio degli Écrins è ufficiosamente vietata.

Il Club è ora composto da 15 nazioni!

Con l'iscrizione della polacca  Ewa Katarzyna Slubicka, le nazioni rappresentate dal nostro sodalizio salgono a 15.

Dei 522 soci attuali, il drappello più consistente è rappresentato ovviamente dagli italiani (421), seguiti da elvetici (45) e francesi (17).

In coda, ora la Polonia fa compagnia a Svezia e Albania. 

Ewa Katarzyna Slubicka (classe 1961, residente tuttavia a Torino) ha raggiunto 31 cime, prevalentemente in compagnia della guida alpina Gianni Predan e di altri abituali compagni di cordata.

Foto Assemblea

Assemblea annuale e cena sociale 2020

Sabato 21 novembre 2020, ore 18,30

La consueta assemblea annuale del Club 4000 si terrà a Torino, presso il Centro Incontri del CAI al Monte dei Cappuccini, Salita al CAI Torino 12 (già Via Giardino) Torino, con inizio alle ore 18.30.

Nel corso dell'incontro saranno mostrate le fotografie inviate dai soci per realizzare il tradizionale Calendario 2021 che sarà disponibile per l'acquisto a prezzo fortemente scontato. 

L'Assemblea sarà anche l'occasione per interventi da parte dei soci con commenti e suggerimenti.

Alle 20.30 seguirà la tradizionale CENA SOCIALE presso il Ristorante dello stesso Centro Incontri.

La prenotazione deve essere fatta entro il giorno 10 novembre al seguente indirizzo:

info@club4000.club

 

Vi aspettiamo numerosi!!

 

 

PS: Questo è il programma generale, ovviamente dovrà essere confermato in funzione dell'andamento della crisi sanitaria che stiamo vivendo. Nuovi aggiornamenti saranno pubblicati sul sito all'avvicinarsi della data, state connessi!!!

Calendario_2020_Club4000_4

Richiesta foto per il calendario del Club 4000

Invito a tutti i nostri Soci ad inviare le proprie foto

 

Anche in quest’anno di pandemia, il Club4000 pubblicherà il proprio calendario alpinistico.

Sarà, come al nostro solito, in formato verticale ma, grande novità, sarà in B/N, proprio per ricordare ciò che abbiamo vissuto con il Covid.

Prego inviare le vostre foto (al massimo 5) degli ultimi 5 anni, entro la data di venerdì 31 luglio 2020 alla mail:

 

raccoltafoto@club4000.club

 

Inviate tranquillamente le vostre foto a colori. Penseremo noi col il nostro esperto grafico a trasformarle in B/N, e vi chiediamo già in anticipo l’autorizzazione a modificare le foto stesse.

 

E’ importante regolare la macchina fotografica con questi due parametri:

  • impostare la massima risoluzione possibile.
  • impostare la dimensione dell'immagine in pixel al valore massimo possibile. Le dimensioni minime sono di 2400 x 3600 pixel. Attenzione alle foto scattate con il cellulare. Alcuni cellulari hanno dimensioni minime non sufficienti per coprire l’intera superficie della pagina.

Ricordiamo ancora il formato verticale delle foto.

Buona stagione alpinistica a tutti i Soci e aspettiamo le vostre foto!!!

Calendario_2020_Club4000_4
lagginhorn

Relazioni Lagginhorn e Weissmies

Di seguito il link per visualizzare le relazioni delle vie normali al Lagginhorn e alla Weissmies, i due colossi che dominano Saas-Grund.

Troverete anche un interessantissimo articolo sul massiccio del Bernina.

Tutto questo (e altro!) all'interno della rivista Lo Zaino, che ringraziamo per la gentile concessione.

lagginhorn
Barre des Ecrins

Relazione Barre des Ecrins

Di seguito il link per visualizzare la relazione della via normale alla Barre des Ecrins, il 4000 più occidentale delle Alpi.

Potete trovare la relazione all'interno della rivista Lo Zaino, che ringraziamo per la gentile concessione.

Barre des Ecrins
dent d'herens

Relazione Dent d’Herens

Di seguito il link per visualizzare la relazione della cresta Tiefenmatten alla Dent d’Herens, 4000 al confine tra la Val d’Aosta e la Svizzera.

Potete trovare la relazione all'interno della rivista Lo Zaino, che ringraziamo per la gentile concessione.

dent d'herens
Quattromila

Il Club4000 nel volume CAI – National Geographic

La dodicesima uscita della bella collana "Le montagne incantate" (una coproduzione CAI - National Geographic) è, come riporta il titolo, completamente dedicata ai Quattromila. All'interno del volume, di 160 pagine riccamente illustrate da splendide immagini, una ventina di saggi e contributi firmati da autori di primo piano raccontano, da vari punti di vista (non solo alpinistici ma anche antropologici, naturalistici, geologici, storici ed edilizi) il mondo dell'alta quota. Tra gli altri, uno spazio di tutto rilievo è interamente riservato a noi! Anna Girardi ci dedica infatti un ritratto nel testo dal titolo Il club delle cime segrete, dando voce a Daniela Formica e Luca Calzone (che si sono avvicendati alla presidenza del Club), oltre che alla guida alpina e nostro socio finisher Franz Nicolini.

La collana editoriale "Le montagne incantate" è stata concepita per promuovere il Sentiero Italia del CAI. Ad esso sono infatti dedicate le prime nove uscite, suddivise per ambiti geografici lungo tutto l'arco alpino e appenninico, partendo dal Carso e concludendosi in Sicilia e Sardegna. Le uscite successive (saranno 15 in tutto) si sono allargate alle montagne del mondo: dagli Ottomila alla Patagonia, dall'Africa all'Alaska.  

Si può acquistare il volume sui Quattromila nel mese di aprile e inizio maggio presso le edicole al prezzo scontato di 10 euro (invece di 12,90) presentando il coupon che si trova nel mensile "Montagne 360" del CAI. 

Quattromila
torta

Il nuovo sito compie 2 mesi! Cosa ne pensate?

Ebbene si, sembra ieri ma sono già passati 2 mesi!
 
Oltre a festeggiare, quale migliore occasione per analizzare insieme quanto fatto?
 
Abbiamo preparato un questionario che ci consentirà, con il vostro aiuto, di capire le cose che funzionano e quelle che vanno migliorate.
 
Il questionario può essere compilato sia dai soci che dai non soci, anche in forma anonima se preferite. Il tempo di compilazione è di circa 2 minuti.
 
 
torta

Il Club 4000, Gruppo del Club Alpino Italiano, sezione di Torino, riunisce gli alpinisti che hanno salito almeno 30 vette superiori ai 4000 m sulle 82 dell'elenco ufficiale UIAA.

Il Club 4000 vuol essere il punto di riferimento e di incontro per scambi di informazioni, documentazione ed esperienze

tra i praticanti l'alpinismo in alta quota con particolare riferimento alle vette delle Alpi superiori ai 4000 metri.

© 2019 CAI Torino Tutti i diritti riservati.